La nostra vita non è fatta di soli momenti felici. Spesso quando penso che la mia vita sia semplicemente troppo pesante, mi guardo intorno, e scopro che ci sono persone che riescono a vivere una vita splendida come quella che vorrei tanto vivere io.

I pensieri iniziano ad arrivare alla mente, non so da dove vengono, e mi chiedo: come è possibile che lo stile di vita di queste persone è diventato così bello?

Come è possibile che loro sono ancora in grado di ridere e giocare, invece di essere continuamente impegnati e stressati come me?

Mi sono fermata, e ho realizzato che forse queste persone hanno capito il vero significato del concetto: amare se stessi.

Quindi, come una persona può essere realmente felice?

Il primo passo è essere completamente innamorati di se stessi.

Un mio professore un giorno disse: amare significa accettare.

Amare se stessi vuol dire accettare che tu non sei un essere umano perfetto, ma nonostante le tue imperfezioni, stai dimostrando a te stesso un grande coraggio nel cercare nuove strade per migliorarti.

La felicità reale è legata alla contentezza. Quanto sei contento del lavoro che hai? Del tuo aspetto fisico? Della tua famiglia? Dei tuoi amici? Della tua casa?  Anche se queste aree non sono perfette ma ti fanno sentire felice, allora hai trovato la prima risposta alla vera felicità.

Il fallimento è una costante quasi sempre presente nella vita di una persona, ma questo non dovrebbe ostacolare la felicità.

Quando imparerai ad accettare i tuoi errori  avrai già fatto un altro passo verso la felicità.

Credo che la vita sia un equilibrio tra il positivo ed il negativo, tra il provare ed il fallire, tra il vincere ed il perdere. Questo equilibrio può essere paragonato alla respirazione che avviene attraverso un corretto alternarsi di espirazione ed ispirazione. Quando imparerai ad accettare te stesso, allora imparerai ad accettare gli altri ed i loro errori.

Molti sanno che ridere è la migliore medicina contro il dolore. La cosa che molti non sanno è che la migliore risata è la risata su se stessi, perché in quel momento non solo sarai felice, ma sarai anche libero.

 Mettiti piccoli obiettivi che ti possono aiutare a realizzare la felicità.

Tu puoi migliorare la qualità della tua vita e di te stesso facendo dei piccoli gesti quotidiani. Un esempio può essere pulire la tua casa, chiacchierare con un amico/amica, riprendere a fare sport, farti un bagno caldo, mangiarti un pezzo di cioccolato ecc.

Immagina che la vostra vita sia come un tabellone dei i punti. Ogni volta che fai ciò che ti rende felice acquisti dei punti sul tabellone. La soddisfazione nel vedere che ogni giorno hai raggiunto più punti aiuta la tua felicità. La felicità è aver fatto l’azione e non mormorare…”se solo avessi avuto il fegato di provarci!”

La felicità non è poter avere una Ferrari, oppure vincere un trofeo, o avere lo stipendio megagalattico. La vera felicità è  l’aver dimostrato a te stesso di essere più coraggioso di ieri, di aver fatto oggi quel piccolo gesto che ieri non immaginavi avresti mai fatto.

La felicità è superare te stesso nei  tuoi limiti.

Ognuno ha la propria definizione di felicità, perché  ognuno ha un’ unità di misura diversa. La felicità per uno scrittore è pubblicare più best-seller possibili, per un ristoratore avere più clienti possibili,  per un uomo d’affari vuol dire successo.

Felicità è fare e dare del tuo meglio in ogni cosa. Felicità è riuscire a sorridere davanti ai tuoi errori e dire: farò meglio la prossima volta. Felicità è perseverare e non mollare. Felicità è la forza di volontà che ti farà rialzare di nuovo.

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo con gli amici a cui potrebbe interessare.

Visita inoltre la mia pagina Facebook per trovare altri contenuti e video che potrebbero esserti utili come questo articolo.

Miriam Prudente

Miriam Prudente

Miriam è una Counselor (in italiano consulente) ed il suo sogno è quello di aiutare le persone. Ciò che la contraddistingue è il suo cuore.
Miriam Prudente

Latest posts by Miriam Prudente (see all)

Commenti